Stadio di Proprietà: Allianz Arena

L’Allianz Arena, situato nel quartiere Nord di Monaco di Baviera, è lo stadio dove gioca le partite casalinghe il Bayern Monaco (fino alla stagione 2005-2006 giocava qui anche il TSV 1860 Monaco) ed è andato a sostituire il mitico Olympiastadion che ospitava le partite delle due squadre di Monaco dal 1972.

Questa meraviglia architettonica è stata concepita da 2 tra gli architetti più famosi del mondo Jaques Herzog e Pierre de Meuron. Interessante notare come il progetto non sia stato imposto alla cittadinanza, bensì sia stato indetto un referendum nel 2001 in cui più del 65% dei votanti si disse favorevole alla costruzione di questo impianto. La prima pietra fu posata il 21 ottobre del 2002 e meno di tre anni  dopo, il 31 maggio 2005, il Bayern Monaco giocò in questo stadio la partita inaugurale.

Secondo una statistica effettuata da un giornale politico tedesco l’Allianz Arena è la struttura sportiva preferita in Germania ed una dei primi 10 siti di interesse del paese dopo solo pochi anni dalla sua costruzione.

COSTI DI COSTRUZIONE

Il costo totale della costruzione è stato di 340 milioni di Euro e le spese sono state equamente ripartite tra le due squadre della città. In aggiunta a questi vanno considerati i 210 milioni di euro investiti dal comune per sviluppare l’area e migliorare le infrastrutture.

La realizzazione dello stadio è stata commissionata dalla Allianz Arena München Stadion GmbH fondata nel 2001 e posseduta 50% dal Bayern Monaco e 50% del 1860 Monaco. Nel aprile 2006 il Bayern Monaco ha acquistato il 50% del TSV 1860 Monaco per una cifra di 11 milioni di euro, l’allora direttore amministrativo del Stefan Ziffer dichiarò che questo evitò l’insolvenza del club. Nell’accordo era previsto che il 1860 Monaco avesse il diritto di ricomprare il suo 50% dell’arena per 11 milioni di euro più gli interessi maturati fino a quel giorno in ogni momento prima di giugno 2010. A fine 2007 il 1860 Monaco rinuncià a questo diritto per via dei suoi problemi finanziari e permise al Bayern Monaco di diventare proprietario unico dell’impianto.

CARATTERISTICHE DELLO STADIO

L’Allianz Arena ha una capacità di 69.901 spettatori tutti rigorosamente al coperto (anche se il Bayern Monaco ha deciso di limitarla a 69.000) che si dividono in 20.000 posti nel livello inferiore, 24.000 posti nel livello intermedio, 22.000 nel livello superiore. Interessante sottolineare che 10.400 posti nelle curve inferiori possono essere convertiti in posti in piedi aumentando la capacità totale di altri 3.120 spettatori. Durante le partite di Champions League ed Europa League i posti scendono a 66.000 perchè la UEFA vieta (per ragioni di sicurezza e ordine pubblico) la presenza di posti in piedi.

L’Allianz Arena è il terzo stadio più grande di Germania Signal Iduna Park (78.650) di Dortmund e l’Olympiastadion di Berlino (74.400).

Il guscio esterno è costituito  da 2.874 cuscini di facciata a forma di diamante, 1.056 dei quali dotati di illuminazione e 8.448 tubi fluorescenti  che ne fanno il primo stadio al mondo ad avere la capacità di modificare completamente il suo colore esterno ( rosso per le partite del Bayern, blu per le partite del 1860 Monaco e bianco per le partite della nazionale tedesca). Sono possibili anche effetti con luci multicolore, ma la Polizia di Monaco di Baviera ha insistito che il colore fosse unico per via di parecchi incidenti stradali avvenuti sull’autostrada che corre vicino allo stadio con i conducenti che si erano distratti a guardare i giochi di luce. Le tecnologie utilizzate per queste illuminazioni sono talmente avanzate che per illuminare l’esterno dello stadio sono sufficienti 50 euro all’ora.

La sensazione che si prova in questo stadio è quella di trovarsi sempre al centro della scena grazie alla disposizione dei posti e alla ridotta distanza dal campo da gioco (minimo 7,5 metri con una barriera alta meno di 120 cm) ricoperto da un perfetto manto erboso naturale powerrasen appositamente creato per il tipo d’uso e il tempo d’esposizione al sole consentito dalla copertura totale da uno dei migliori giardinieri sportivi Christian Dinauer. Inoltre il terreno di gioco delle dimensione di 105×68 metri è dotato di riscaldamento a pavimento per evitare problemi dati dal ghiaccio o dalla neve che non sono rari in Germania. Per offrire allo spettatore uno spettacolo anche multimediale troviamo ben 190 megaschermi ad alta definizione.

All’interno della struttura troviamo 6000 metri quadrati di strutture per l’intrattenimento suddivisi in:

  • 28 chioschi, 2 ristoranti per i tifosi ciascuno da 1000 posti, 2 ristoranti di lusso con un totale di 400 posti
  • 300 schermi TV in alta definizione
  • mixed zone di oltre 500 metri quadrati
  • asilo nido
  • uffici e sale conferenza arredate per offrire il massimo confort agli utilizzatori
  • 2 aree interne per il riscaldamento da 110 metri quadrati
  • 4 spogliatoi
  • aree per lo shopping tra cui il mega-store del Bayern Monaco
  • 550 W.C
  • 54 biglietterie

All’esterno invece troviamo uno dei parcheggi coperti più grandi d’Europa che comprende 4 piani con 9,800 parcheggi per macchine. In più troviamo 1,200 posti costruiti nei primi due anelli dell’arena, 350 posti per gli autobus e 130 posti riservati ai portatori di handicap.

NUMERI IMPRESSIONANTI

La scorsa stagione in tutte le  17 partite casalinghe giocate dal Bayern Monaco lo stadio è andato tutto esaurito ( 69.000 spettatori) a queste vanno aggiunte 10 partite giocate dalla squadra bavarese nelle diverse coppe a cui ha partecipato con 67.555 spettatori di media per match. Questi numeri di per se impressionanti potrebbero essere ulteriormente migliorati quest’anno infatti già da fine luglio i biglietti per metà delle partite che saranno giocate dal Bayern sono introvabili. Il 7 aprile 2012 si è tenuta la 180 partita consecutiva in campionato con il tutto esaurito.

La politica vincente di questo stadio è quella di consentire ad un vasto range di tifosi di poter seguire le partite infatti vi sono:

  • 13,500 posti in piedi nella tribuna a prezzi contenuti ( circa 20 euro)
  • 2,200 posti business
  • 106 esecutive box per un totale di 1.374 posti ( tutti prenotati fino al 2015)
  • tutto lo stadio è progettato per essere totalmente accessibile alle persone su sedie a rotelle con, inoltre, 165 posti riservati.

COME E’ STATA FINANZIATA QUESTA OPERA?

L’impianto, come detto in precedenza,  è costato circa 340 milioni di euro ed è stato finanziato principalmente attraverso 2 vie:

  • cessione del naming right dello stadio per 30 anni al colosso dell’assicurazioni Allianz per una cifra superiore ai 90 milioni di Euro.
  • vendita di azioni del club: infatti inizialmente il 9% della società è stata ceduta all’Adidas (che è anche lo sponsor tecnico principale e il fornitore tecnico) per 77 milioni di Euro. Successivamente ha ceduto un altro 9% ad Audi (gruppo Wolkswagen che già è sponsor ufficiale del Wolfsburg) per 90 milioni di Euro.
  • debito privato a lungo termine: che pesa sui bilanci della società per circa 30 milioni di euro l’anno.
  • acquisto delle quote residue di proprietà del TSV München; pagate 11 milioni di euro sui cui ci guadagnerà solo per la cessione del naming right e degli sponsor 35 milioni di euro.

Tutti questi soldi sono stati utilizzati per anticipare i tempi di ammortamento dei finanziamenti che gravano su quest’opera. Questo significa che quando (tra breve) il debito sarà pagato la società si troverà una struttura che fornirà una grande quantità di ricavi, importantissimi in ottica FFP, da poter rinvestire sullo stadio stesso,sul mercato,etc. Infatti dallo stadio il Bayern ricava oltre 60 milioni di euro che cresceranno sicuramente in questi anni poichè, a differenza della politica dell’Arsenal, non ha usato per accrescere i ricavi l’aumento del prezzo del biglietto che nei posti più economici costa ancora un ventina di euro la metà rispetto a tutti gli altri stadi di grandi squadre in Inghilterra,Spagna e Italia.

Per quanto riguarda tutte le altre fonti di entrata della società vi rimando a questo articolo dove ho già trattato l’incridibile capacità dei manager bavaresi di costruire una società tra le più sane ed equilibrate dell’intero panorama calcistico europeo e mondiale.

CONCLUSIONI

Come traspare dall’articolo, nonostante il grosso investimento da parte del club, questo stadio si presenta come un incommensurabile fonte di ricavi per la società. Se questo è vero oggi ancor di più lo sarà quando il debito contratto verrà estinto proiettando la società bavarese in un futuro dove potrà investire sulla squadra una grande quantità di liquidità per poter strappare i pezzi pregiati del mercato e trattenere i miglior prospetti in squadra.

RM

8 Pensieri su &Idquo;Stadio di Proprietà: Allianz Arena

  1. Pingback: Stadio di Proprietà: Emirates Stadium | ilsolocalciogiocato

  2. Pingback: Perchè la Serie A è destinata a diventare un campionato di serie B | ilsolocalciogiocato

  3. Un approfondimento sulla “Geldmaschine” (macchina da soldi) FC Bayern München lo puoi trovare sul blog The Swiss Ramble, che ti avevo già fatto notare in un mio commento precedente.

    http://swissramble.blogspot.it/2012/02/bayern-munich-opportunities-lets-make.html

    In merito alla futura liquidità delle società tedesche bisogna considerare anche il nuovo accordo tra DFL (Deutsche Fußball Liga) e Sky Deutschland.

    http://marcobellinazzo.blog.ilsole24ore.com/calcio-business/2012/04/bundesliga-sky-diritti-tv-.html

    Premettendo che i diritti TV non sono mai stati la principale fonte di introito delle società calcistiche tedesche e che queste sono costrette per legge a stare molto attente ai loro bilanci, si può concludere che oltre a chiudere ulteriormente il gap tra Bundesliga e Premier League di cui parla The Swiss Rambler, questi introiti permetteranno ai club tedeschi di concorrere sul calciomercato con le grandi squadre inglesi, spagnole ed italiane. Infatti d’ora in poi non solo potranno garantire stadi pieni e un campionato altamente competitivo senza partite acchitate, ma anche ingaggi che soddisfano le richieste dei cosiddetti pezzi pregiati e dei propri prospetti.
    Un saluto da Roma.

  4. Scusa Patric per il ritardo della pubblicazione del tuo commento, ma non so perchè wordpress me lo aveva messo in mezzo alla spam. Detto questo il blog che mi avevi suggerito lo visito spesso e volentieri e avevo letto l’articolo da te linkato, per quanto riguarda la notizia sui i diritti Tv mi era completamente sconosciuta grazie per l’aggiornamento. Ormai credo che la Bundesliga sia da considerarsi a tutti gli effetti un campionato paragonabile ai 3 storici campionati più blasonati e la filosofia/capacità dirigenziale/capacità societaria non esclude la possibilità che possa diventare sempre più uno dei campionati con le migliori squadre soprattutto se il FPF dovesse essere attuato senza tanti compromessi ed eccezioni.

    • Ciao RM, hai proprio ragione: se entra in vigore il FPF, son dolori per molte big europee e italiane. Curiosamente è proprio il Bayern, che stasera si è nuovamente confermato di essere la bestia nera del Real Madrid, una delle maggiori sostenitrici del FPF. Non passa un mese che Rummenigge non si lamenti delle politiche finanziarie soprattutto delle grandi società italiane. E dal suo punto di vista ha anche ragione: il Bayern che si ritrova in un contesto (giustamente) molto regolamentato, fa un ottimo lavoro in molti settori, ma alla fine non può raccogliere i frutti a livello internazionale perché non è in grado di competere sul calciomercato dei fenomeni affermati. Infatti lì sono (o erano) altre società a fare il bello e il cattivo tempo. Che questa sera 27 milioni abbiano parato i rigori di 180 milioni, è un’eccezione che conferma la regola; un regola che si spera cessi di essere tale.
      Come sempre un saluto da Roma e complimenti per il tuo blog.

  5. Ciao Patric effettivamente non si può dare torto a Rummenigge che vede società molto indebitate (ma c’è anche da dire che hanno altissimi fatturati e ricavi) che spendono botte di 150 milioni di euro sul mercato e hanno monte stipendi allucinanti, mentre il Bayern, e non solo, deve essere molto più controllato onde evitare problemi a livello legale/finanziario. Sicuramente il FPF potrebbe favorire e non poco tutto le squadre che fanno del rigore societario un vanto.
    Per quanto riguarda la partita di ieri a mio parere nei 180 minuti ha meritato più il Bayern che il Real Madrid imponendo un gioco rapido e molto intraprendente (la difesa era altissima).
    PS: come vedi la situazione di Luis Enrique a Roma? A me sembra che come al solito la pazienza finisca prima di dare il tempo di creare un progetto.
    Grazie per i complimenti.
    RM

  6. Pingback: Fatturato Squadre di Calcio 2011-2012 | ILSOLOCALCIOGIOCATO

  7. Pingback: Stadio Di Proprietà: Veltins-Arena | ILSOLOCALCIOGIOCATO

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...